Connect with us

Life

Robert Clergerie Sandali 'Wendy' Metallic farfetch crema Disfrutar En Venta xUuCsa – ohepic.com

Published

on

SKU904225468643302301

i520x490-robert-clergerie-sandali-wendy-metallic-farfetch-crema-7102641
i520x490-robert-clergerie-sandali-wendy-metallic-farfetch-crema-7102641

Siamo spiacenti stiamo aggiornando la sezione e al momento non sono presenti news. Torna presto a trovarci.

GRITTI ENERGIA

JUSTPLAY

YOUNG SPORT E CULTURA COMMUNITY

Costruzioni Edilpasubio S.r.l. Tel: 045 8799197

Dineco Tel: 045 8830230

Prima giornata di ritorno e difficile trasferta contro il Pescantina che ha dimostrato nel girone di andata di essere una squadra attrezzata e temibile, perdendo una sola gara per 4 punti contro la capolista Buster. Iniziamo la partita decisi, con una difesa attenta e grintosa, facendo lavorare molto i giocatori avversari che hanno difficoltà a trovare varchi verso canestro. I marcatori sui portatori di palla applicano bene le indicazioni del coach e l’aiuto difensivo funziona a dovere quando le nostre guardie vengono superate dai diretti avversari. In attacco qualche entrata poco decisa, con tiro un po’ approssimativo ci impedisce di realizzare con continuità e rispondere così colpo su colpo agli avversari, ma verso la fine del quarto, stringendo i denti riusciamo a recuperare un minimo break, chiudendo il periodo in parità. La seconda frazione della gara procede sugli stessi ritmi; la difesa continua ad essere aggressiva e a lavorare sui portatori di palla del Pescantina, anche se in più occasioni siamo indotti a fermare fallosamente gli avversari. Arriviamo all’intervallo con tre soli punti di ritardo, ma dopo la pausa lunga iniziano i problemi. Tornati in campo, gli avversari modificano il loro gioco difensivo, applicando lo stesso nostro schema: pressione sul portatore di palla e raddoppi sulle entrate a canestro. In attacco, invece, si adattano alla nostra difesa e iniziano a scaricare la palla dopo aver effettuato i tentativi di entrata in area. Nel contempo la nostra intensità a guardia del canestro comincia a calare: rigidi sulle gambe, siamo sempre in ritardo e perciò incorriamo spesso nel fallo anziché contrastare correttamente gli attaccanti. La maggior efficacia degli avversari al tiro (alcune entrate con realizzazione e fallo subito) e una grande precisione dalla linea del tiro libero consentono al Pescantina di mantenere una buona media di realizzazione. Anche le nostre entrate sono spesso fermate con un fallo, ma i tiri che tentiamo in tali occasioni sono spesso imprecisi, molte volte effettuati con il timore della stoppata; la nostra media dalla lunetta è abbondantemente sotto il 50 per cento e ciò consente agli avversari di iniziare a prendere il largo e chiudere il terzo quarto avanti di 19 punti. L’ultimo quarto non vede la necessaria reazione da parte nostra; l’intensità difensiva rimane bassa e continuiamo a commettere falli, tanto che alcuni nostri giocatori tornano in panchina anzitempo. Si riduce anche la lucidità in attacco: perdiamo palla con passaggi imprecisi subendo qualche contropiede di troppo e produciamo molto poco in fase di transizione non riuscendo più a spingere l’azione verso il canestro avversario dopo aver conquistato il rimbalzo difensivo. A fine gara il divario è forse un po’ troppo pesante, ma ciò non deve togliere il merito agli avversari, che hanno disputato una buona partita dall’inizio alla fine, mentre noi ci siamo progressivamente spenti, giocando di fatto alla pari solo metà della gara. Partite come questa devono però essere utili, anche nella sconfitta, perché danno l’opportunità ai nostri giovani atleti di riflettere su quali errori vengano commessi più frequentemente durante la gara. Non perdiamoci dunque d’animo, ma proseguiamo a lavorare in palestra, durante gli allenamenti, seguendo con impegno e attenzione le istruzioni del coach: solo così saremo in grado di crescere in capacità ed esperienza, per riuscire ad essere competitivi fino alla sirena finale. A conclusione di quest’ ultimo commento del 2012, un augurio a tutti gli atleti, ai genitori, ai tifosi e a tutto lo staff della nostra società per un sereno Natale e un 2013 ricco di soddisfazioni con i colori del Samba !!

Cerca nel sito

Seguici sui Social Network

Siamo spiacenti stiamo aggiornando la sezione e al momento non sono presenti eventi. Torna presto a trovarci.

pol. s.paolo valeggio – SMB: 51 – 46

pall. vicenza – SMB: 90 – 58

vepral san dona’ – SMB: 74 – 63

(finale regionale) basket piani jr – SMB: 53 – 60

Pronto riscatto del San Martino Basket dopo la delusione per l’es Club c 85 emboss maxisport grigio Sportivo Aclaramiento De 2018 Unisex Compras El Precio Barato El Pago De Visa De Salida Tme2xp

E’ finita l’ avventura del SAMBA GRITTI nei play off . Cade in pie La Calidad De Italia Barata Cómodo Prada Sneaker Donna In Saldo Bordeaux Velluto 2017 35 355 36 365 37 375 38 385 39 Paquete De Cuenta Regresiva C1NpTbfBO

Serata triste per il SAMBA GRITTI che soccombe ai determinati gio Para La Línea Barata Interactive scarpa allacciata paolofiorilloboutiques neri Camoscio Venta En Línea Más Grande Proveedor Venta Barata Asequible Entrega Rápida Para Pre Barato En Línea h9ScHPz8

Liebeskind Berlin LS182090 Vachet amazonshoes neri Pagar Con Paypal En Venta QBiVWWQKyD

Nessun prodotto nel carrello.

Close

Pikolinos Margarita 943 amazonshoes Classico Wiki En Línea De Alta Calidad Para La Venta Venta Barata Confiable TFyJ3P
in Envío Libre Barato 2 STAR Sneakers Trendy donna argento/beige quellogiusto grigio Glamour Precios Baratos En Línea Tqzrd

Le Olimpiadi nell’antichità: tra archeologia e storia.

di Giovanni Spini

seconda parte [leggi El Envío Libre De La Calidad Sandali FLY LONDON escarpe viola Pelle Venta 2018 Unisex GfqluJ
]

Apriva i giochi la spettacolare corsa delle quadrighe, mentre per ultima veniva disputata l’oplitodromia (corsa con l’armatura oplitica). A partire dal 396 a.C., le gare atletiche furono precedute da competizioni fra trombettieri ed araldi; il criterio per giudicare i vincitori era la sola potenza della voce. Incredibile emulo del mitico Stentore fu il megarese Erodoro che vinse la gara dei trombettieri per ben dieci volte consecutive, dal 328 a.C. al 292 a.C.

Alle Olimpiadi erano ammessi solo uomini liberi di stirpe greca che dovevano giurare di essersi allenati per dieci mesi consecutivi (di cui un mese nella palestra di Olimpia) e che non avrebbero commesso scorrettezze durante le gare. Apro una parentesi per spiegare la ragione dell’importanza di essere “di stirpe greca”. Il Peloponneso e le regioni vicine subirono, intorno all’anno mille a.C. un’altra invasione indo-europea dopo quella degli Achei: quella dei Dori. Le tribù doriche (una di queste si chiamava dei Graicòi, da cui il nome romano di Greci e Grecia) ripercorsero la strada degli Achei da nord a sud, sopraffacendo le popolazioni locali, anche se avevano le stesse lontane origini.

La permanenza in questi territori non fu per niente facile, poichè si ritrovarono a dover continuamente combattere per mantenerne il possesso. Da qui la necessità di essere costantemente e nel miglior modo possibile, allenati fisicamente alla guerra, quindi a tutte le prestazioni atletiche ad essa connesse: la corsa, la lotta corpo a corpo, il lancio delle armi, l’uso del cavallo, ecc.. Se aggiungiamo a questo l’importanza dei miti divini nella loro cultura, per cui il vincitore era comunque un eletto, un prescelto degli dèi, che poteva avere il dono della luce solare e non sprofondare nelle tenebre del Tartaro, ne consegue che a coloro che dimostravano di vincere anche nelle competizioni sportive, spettava un destino di gloria sia terrena che dopo la morte. I Greci erano dunque gli eletti e solo a loro spettava di partecipare alle Olimpiadi. Da notare, inoltre, “solo uomini liberi”: le donne infatti non erano ammesse neppure come spettatrici e se vi sono nomi di donne negli elenchi dei vincitori di gare Olimpiche è solo perchè nelle gare ippiche i premi venivano assegnati ai proprietari dei cavalli e non all’auriga o al fantino.

Auriga di Delfi

La corsa dei carri : i carri da corsa erano a due ruote, leggerissimi ed aperti dietro ed erano trainati da due o quattro cavalli; l’auriga indossava una veste bianca detta xystis e guidava, di solito, stando in piedi, ma non mancano esempi in cui lo vediamo seduto quasi “a cassetta”. Nelle quadrighe, la corsa più spettacolare, solo i due cavalli al centro venivano aggiogati, mentre i due esterni erano uniti agli altri da una correggia, che li lasciava più liberi. Determinante era la bravura del cavallo di sinistra poichè doveva guidare gli altri nelle curve intorno alla meta. Perchè la gara fosse equa, un ateniese di nome Cleta inventò una barriera di partenza mobile, disegnata come la prua rovesciata di una nave, con un box per ciascun carro. Gli urti erano comuni, anzi abituali. Una volta in una corsa di 40 quadrighe solo una arrivò al traguardo. Dopo la gara, il proprietario del carro vittorioso veniva incoronato dall’ellanodico con foglie d’olivo intrecciate, tagliate con un’accetta d’oro sopra un tavolo d’oro e avorio e un araldo gridava il suo nome, quello del padre e quello della sua città. Alla 100° Olimpiade, nel 376 a.C., vinse per la prima volta la gara delle quadrighe una donna: Cinisca, sorella di Agesilao, re di Sparta, che si aggiudicò anche l’edizione successiva 4 anni dopo.

Gaming

Trailer for PlayStation 5 Slim has Stunned Viewers

Published

on

Due to its unique design and detachable disc drive, a tiny PlayStation 5 prototype is making the rounds. According to a rumor from September, Sony plans to replace the current PS5 model on the market by releasing a third PS5 model in a year.

A Bit of a Difference

Before anyone begins gets head over heels for this, this new edition and the original only differ in that the latter has a detachable disc drive that connects to the console through an additional USB-C connector on the rear of the device.

More Features

Possibly, VR4Player.fr’s interpretation of what that might appear to be is much more fashionable. The idea reduces the size of the original design and divides the shell along a diagonal line where the removable disc drive would go. It also smooths down the PS5’s wavy edges and resembles a Tic-Tac in some ways.

The color-coded packaging for the small digital and disc drive versions would be ideal for errant parents in Christmas lines as long as far as the eye can see. And VR4Player.fr has the foresight to take that aforementioned intersection off the console, enabling the removable disc drive to be linked to a slim digital model.

Continue Reading

Entertainment

People Continue Calling Their Kids By This Marvel Character

Published

on

By

Let’s just hope they don’t turn out to be a fan of apocalyptic genocide.

Would you name your kids Thanos?

The first time I saw Avengers: Endgame was recent. I’m a little late, I know. But what a movie it is — its mere size is enough to impress even the pickiest movie critics, and it’s just a wonderful movie in general. But when I saw the credits roll, do you know what I didn’t think? “I’m going to name my firstborn Thanos,” the mother said.

But contrary to what you may assume, it seems that this is a more typical thought. According to ComicBook, a recent analysis by OrganicBabyFormula.com found that following the release of Avengers: Infinity War in 2018, the name “Thanos” has risen an astounding 2,892 spots on the Social Security Administration’s Name Popularity Index.

Other Disney-owned character names that have been influencing new parents’ name selections were also discovered in the same study.

Thanos is ninth on that list, with Quill coming in first (after Peter Quill from Guardians of the Galaxy) and Kristoff (from Frozen) coming in second.

The third place goes to Rey (hey, Star Wars), who is followed by Merida and Aladdin (do I really need to explain?). Loki and Wanda are two other Marvel-inspired names that have experienced a rise in popularity.

But contrary to what you may assume, it seems that this is a more typical thought. According to ComicBook, a recent analysis by OrganicBabyFormula.com found that following the release of Avengers: Infinity War in 2018, the name “Thanos” has risen an astounding 2,892 spots on the Social Security Administration’s Name Popularity Index.

Frankly, I don’t get why Thanos is so popular here. In an interview with ComicBook earlier this year, the character’s creator, Jim Starlin, admitted that he had also been surprised by the popularity of the big, purple guy: “The fact that Thanos has gotten as big as he has, quite frankly, surprised the hell out of me because I always thought he was just too weird and esoteric and apparently wrong.” Because of this, I don’t produce movies.

I’d rather name my kids Tony or Steve actually.

Continue Reading

Influencers

Legal Action Over Cardi B’s Marge Simpson Halloween Outfit is Threatened

Published

on

By

In relation to her Marge Simpson Halloween costume, an Italian artist has threatened Cardi B with legal action.

Halloween and Legalities

On October 31, the rapper known by the stage name “Bodak Yellow,” Belcalis Marlenis Almánzar, revealed her Halloween attire in an Instagram post.

In place of her customary green clothing, the Grammy-winning performer is seen in the images as the popular animated character wearing a 1995 Thierry Mugler black dress.

In her Instagram slideshow post, the mother of two also revealed the artwork that served as inspiration for her outfit. The piece of art was produced in 2013 as part of aleXsandro Palombo’s “Marge Simpson Style Icon” series, which was initially featured in Vogue UK.

The mother of two included Mugler in her caption but left Palombo out and untagged.

On Saturday, November 26, Palombo updated a post on Instagram to denounce the rapper and her use of his work.

The artist claimed that Cardi B and her associates “have used my artwork without any consent, degrading its original meaning and only to amplify their image with a clear commercial purpose that has nothing to do with that path of social awareness that has always characterised my works.”

Additionally, he asserted that he had previously written to Cardi B and her collaborators, photographer Jora Frantzis and stylist Kollin Carter, to explain why he hadn’t been contacted for permission to use his artwork.

We wrote to Mrs. Cardi B and her partners to ask why they hadn’t requested our permission to use the artwork and why they hadn’t acknowledged or given credit to the artist, in violation of Meta’s policy on intellectual property rights, he continued. Still no response.

Claudio Volpi, the attorney for Palombo, increased the level of the “appropriation” charges against his client’s creative work.

According to Volpi of Artnet News, “Cardi B has unlawfully hijacked the work of aleXsandro Palombo for purely commercial goals in violation of the most fundamental copyright and Instagram principles, with the accompanying substantial consequences, both of recompense and of dishonor for her public image.”

The attorney stated that after contacting Frantzis, Carter, and the Atlantic Records marketing team, he only heard back from Frantzis, who said she was “glad to add the credits” and wasn’t “known there was an artist behind this artwork.”

All parties concerned, including Atlantic Records chairman Craig Kallman, have received a formal notice, according to Volpi, requiring them to publish a “remedial” post with due credit to the artist within seven days of receiving it.

In the event that this demand is not fulfilled, Volpi threatened legal action, along with a demand for Palombo’s compensation.

Continue Reading

Trending Now