Connect with us

Life

Imágenes En Línea Barata Ballerine TAMARIS 122127 escarpe neri Pelle Navegar Salida Comprar Alta Calidad Barata IHNghxC – ohepic.com

Published

on

SKU861252005765375686

scarpe-basse-gabor-escarpe-neri-pelle-2889861
scarpe-basse-gabor-escarpe-neri-pelle-2889861

Siamo spiacenti stiamo aggiornando la sezione e al momento non sono presenti news. Torna presto a trovarci.

GRITTI ENERGIA

JUSTPLAY

YOUNG SPORT E CULTURA COMMUNITY

Costruzioni Edilpasubio S.r.l. Tel: 045 8799197

Dineco Tel: 045 8830230

Prima giornata di ritorno e difficile trasferta contro il Pescantina che ha dimostrato nel girone di andata di essere una squadra attrezzata e temibile, perdendo una sola gara per 4 punti contro la capolista Buster. Iniziamo la partita decisi, con una difesa attenta e grintosa, facendo lavorare molto i giocatori avversari che hanno difficoltà a trovare varchi verso canestro. I marcatori sui portatori di palla applicano bene le indicazioni del coach e l’aiuto difensivo funziona a dovere quando le nostre guardie vengono superate dai diretti avversari. In attacco qualche entrata poco decisa, con tiro un po’ approssimativo ci impedisce di realizzare con continuità e rispondere così colpo su colpo agli avversari, ma verso la fine del quarto, stringendo i denti riusciamo a recuperare un minimo break, chiudendo il periodo in parità. La seconda frazione della gara procede sugli stessi ritmi; la difesa continua ad essere aggressiva e a lavorare sui portatori di palla del Pescantina, anche se in più occasioni siamo indotti a fermare fallosamente gli avversari. Arriviamo all’intervallo con tre soli punti di ritardo, ma dopo la pausa lunga iniziano i problemi. Tornati in campo, gli avversari modificano il loro gioco difensivo, applicando lo stesso nostro schema: pressione sul portatore di palla e raddoppi sulle entrate a canestro. In attacco, invece, si adattano alla nostra difesa e iniziano a scaricare la palla dopo aver effettuato i tentativi di entrata in area. Nel contempo la nostra intensità a guardia del canestro comincia a calare: rigidi sulle gambe, siamo sempre in ritardo e perciò incorriamo spesso nel fallo anziché contrastare correttamente gli attaccanti. La maggior efficacia degli avversari al tiro (alcune entrate con realizzazione e fallo subito) e una grande precisione dalla linea del tiro libero consentono al Pescantina di mantenere una buona media di realizzazione. Anche le nostre entrate sono spesso fermate con un fallo, ma i tiri che tentiamo in tali occasioni sono spesso imprecisi, molte volte effettuati con il timore della stoppata; la nostra media dalla lunetta è abbondantemente sotto il 50 per cento e ciò consente agli avversari di iniziare a prendere il largo e chiudere il terzo quarto avanti di 19 punti. L’ultimo quarto non vede la necessaria reazione da parte nostra; l’intensità difensiva rimane bassa e continuiamo a commettere falli, tanto che alcuni nostri giocatori tornano in panchina anzitempo. Si riduce anche la lucidità in attacco: perdiamo palla con passaggi imprecisi subendo qualche contropiede di troppo e produciamo molto poco in fase di transizione non riuscendo più a spingere l’azione verso il canestro avversario dopo aver conquistato il rimbalzo difensivo. A fine gara il divario è forse un po’ troppo pesante, ma ciò non deve togliere il merito agli avversari, che hanno disputato una buona partita dall’inizio alla fine, mentre noi ci siamo progressivamente spenti, giocando di fatto alla pari solo metà della gara. Partite come questa devono però essere utili, anche nella sconfitta, perché danno l’opportunità ai nostri giovani atleti di riflettere su quali errori vengano commessi più frequentemente durante la gara. Non perdiamoci dunque d’animo, ma proseguiamo a lavorare in palestra, durante gli allenamenti, seguendo con impegno e attenzione le istruzioni del coach: solo così saremo in grado di crescere in capacità ed esperienza, per riuscire ad essere competitivi fino alla sirena finale. A conclusione di quest’ ultimo commento del 2012, un augurio a tutti gli atleti, ai genitori, ai tifosi e a tutto lo staff della nostra società per un sereno Natale e un 2013 ricco di soddisfazioni con i colori del Samba !!

Cerca nel sito

Seguici sui Social Network

Siamo spiacenti stiamo aggiornando la sezione e al momento non sono presenti eventi. Torna presto a trovarci.

pol. s.paolo valeggio – SMB: 51 – 46

pall. vicenza – SMB: 90 – 58

vepral san dona’ – SMB: 74 – 63

(finale regionale) basket piani jr – SMB: 53 – 60

Pronto riscatto del San Martino Basket dopo la delusione per l’es Calvin Klein Jeans Gala Twill amazonshoes neri Jeans Sol n5PXx

E’ finita l’ avventura del SAMBA GRITTI nei play off . Cade in pie DIADORA HERITAGE Sneakers Trendy donna verde quellogiusto beige Pelle Mejor Tienda A Comprar Barato En Línea q3taNgL

Serata triste per il SAMBA GRITTI che soccombe ai determinati gio Venta Barata Sitio Oficial Sast Aclaramiento Pikolinos Margarita 943 amazonshoes Classico t9FO3m

Tronchetti TAMARIS 125010 escarpe neri Pelle Opción Para La Venta 7Bgs4a

Nessun prodotto nel carrello.

Close

Precio Barato En Italia Nuevos Estilos De Venta En Línea BLACK271 366 Infradito Donna amazonshoes marroni Estate Perfecta Salida puUBc
in ESPRIT Sonet Bootie amazonshoes Comprar Barato Visita D7t9jx

Le Olimpiadi nell’antichità: tra archeologia e storia.

di Giovanni Spini

seconda parte [leggi 2018 Unisex Para La Venta Scarpe Donna Suede Heart En Pointe beimerilin neri Camoscio Ebay En Línea Compra Barato Estilo De La Moda Aclaramiento El Pago De Visa En Línea eBqQmlGo
]

Apriva i giochi la spettacolare corsa delle quadrighe, mentre per ultima veniva disputata l’oplitodromia (corsa con l’armatura oplitica). A partire dal 396 a.C., le gare atletiche furono precedute da competizioni fra trombettieri ed araldi; il criterio per giudicare i vincitori era la sola potenza della voce. Incredibile emulo del mitico Stentore fu il megarese Erodoro che vinse la gara dei trombettieri per ben dieci volte consecutive, dal 328 a.C. al 292 a.C.

Alle Olimpiadi erano ammessi solo uomini liberi di stirpe greca che dovevano giurare di essersi allenati per dieci mesi consecutivi (di cui un mese nella palestra di Olimpia) e che non avrebbero commesso scorrettezze durante le gare. Apro una parentesi per spiegare la ragione dell’importanza di essere “di stirpe greca”. Il Peloponneso e le regioni vicine subirono, intorno all’anno mille a.C. un’altra invasione indo-europea dopo quella degli Achei: quella dei Dori. Le tribù doriche (una di queste si chiamava dei Graicòi, da cui il nome romano di Greci e Grecia) ripercorsero la strada degli Achei da nord a sud, sopraffacendo le popolazioni locali, anche se avevano le stesse lontane origini.

La permanenza in questi territori non fu per niente facile, poichè si ritrovarono a dover continuamente combattere per mantenerne il possesso. Da qui la necessità di essere costantemente e nel miglior modo possibile, allenati fisicamente alla guerra, quindi a tutte le prestazioni atletiche ad essa connesse: la corsa, la lotta corpo a corpo, il lancio delle armi, l’uso del cavallo, ecc.. Se aggiungiamo a questo l’importanza dei miti divini nella loro cultura, per cui il vincitore era comunque un eletto, un prescelto degli dèi, che poteva avere il dono della luce solare e non sprofondare nelle tenebre del Tartaro, ne consegue che a coloro che dimostravano di vincere anche nelle competizioni sportive, spettava un destino di gloria sia terrena che dopo la morte. I Greci erano dunque gli eletti e solo a loro spettava di partecipare alle Olimpiadi. Da notare, inoltre, “solo uomini liberi”: le donne infatti non erano ammesse neppure come spettatrici e se vi sono nomi di donne negli elenchi dei vincitori di gare Olimpiche è solo perchè nelle gare ippiche i premi venivano assegnati ai proprietari dei cavalli e non all’auriga o al fantino.

Auriga di Delfi

La corsa dei carri : i carri da corsa erano a due ruote, leggerissimi ed aperti dietro ed erano trainati da due o quattro cavalli; l’auriga indossava una veste bianca detta xystis e guidava, di solito, stando in piedi, ma non mancano esempi in cui lo vediamo seduto quasi “a cassetta”. Nelle quadrighe, la corsa più spettacolare, solo i due cavalli al centro venivano aggiogati, mentre i due esterni erano uniti agli altri da una correggia, che li lasciava più liberi. Determinante era la bravura del cavallo di sinistra poichè doveva guidare gli altri nelle curve intorno alla meta. Perchè la gara fosse equa, un ateniese di nome Cleta inventò una barriera di partenza mobile, disegnata come la prua rovesciata di una nave, con un box per ciascun carro. Gli urti erano comuni, anzi abituali. Una volta in una corsa di 40 quadrighe solo una arrivò al traguardo. Dopo la gara, il proprietario del carro vittorioso veniva incoronato dall’ellanodico con foglie d’olivo intrecciate, tagliate con un’accetta d’oro sopra un tavolo d’oro e avorio e un araldo gridava il suo nome, quello del padre e quello della sua città. Alla 100° Olimpiade, nel 376 a.C., vinse per la prima volta la gara delle quadrighe una donna: Cinisca, sorella di Agesilao, re di Sparta, che si aggiudicò anche l’edizione successiva 4 anni dopo.

Entertainment

Jennette McCurdy Opens Up About Disagreements with Ariana Grande During Nickelodeon Days

Published

on

By

In a recent interview, Ariana Grande’s Sam & Cat co-star Jennette McCurdy admitted that she occasionally felt “jealous” of how the singer was treated.

The Opportunities

In her memoir, McCurdy, 30, discusses her time at Nickelodeon. She asserts that although she had to decline other jobs while working on iCarly, Grande was given permission to miss the production of Sam & Cat in order to participate in other shoots and events.

Leading Up to It

McCurdy said she quickly became ‘jealous’ and ‘pissed’ with Grande as a result of the singer being able to forego shooting in order to attend other events.

The last straw, according to McCurdy, came when her former co-star confessed she had spent the previous evening playing charades at Tom Hanks’ house when she arrived at work. It was difficult not to compare her professional path to Grande’s.

Continue Reading

Life

Son Ends Up Looking Like Mr. Burns After Haircut Goes Wrong

Published

on

By

Nathaniel Glennen, a 12-year-old boy who wanted a haircut modeled after Gargamel, the villainous wizard from The Smurfs, turned to his mother Johanna Clark for advice. The mother’s decision to give her son a haircut that made him resemble Mr. Burns from The Simpsons had the internet in fits of laughter.

A Pleasant Surprise

He was shocked to discover that his 34-year-old mother’s excellent work had made him resemble the well-known Simpsons character. Although Johanna from Bendigo, Victoria, says his new “do attracts a lot of funny looks,” she’s delighted he has a chance to express himself because it has made him popular at school.

Simply Loving It

Despite losing his golden, curly hair, the 12-year-old couldn’t be happier with his new hairstyle and said he had no plans to change his out-of-the-ordinary appearance anytime soon.

Be sure you check out the video of it right here!

Continue Reading

Life

This Woman Claims She Wants to Be the “Greatest” Woman in the World

Published

on

By

While the majority of people worldwide make every effort to avoid being overweight or obese. A woman from Fort Worth, Texas, who is currently 317 kg, just wants one thing. being the “greatest” lady on Earth is one of them.

Laser Focused

Monica Riley does everything she can to make her dream come true. consuming between 6,000 and 8,000 calories each day. She wants to reach 450 kg and hopefully achieve more of the goals she set for herself.

All The Support

Sid Riley, her boyfriend, is behind her. He cooks for his overweight girlfriend all day, turns her over when her 91-inch stomach is full, and feeds her through a funnel. She needs assistance getting up from the couch and from her bed.

Make sure you check out the video of it right here!

Continue Reading

Trending Now